Cristiano Ronaldo

Image
Oggi apriamo lo spazio dedicato alla competizione calcistica del momento, i Mondiali Fifa che si stanno disputando in Russia. Torniamo dunque rapidamente al Fùtbol di oggi e a come si colleziona attualmente, presentandovi l’attuale divisa da gioco pensata da Nike per il Portogallo. Questo pezzo da collezione, per il quale ringrazio un amico e a cui già sono molto affezionato, non poteva che portare il numero 7. Il personaggio di oggi, è, ovviamente, Cristiano Ronaldo da Funchal, isola di Madeira. Neanche il tempo di ambientarsi nella terra degli Zar che il 5 volte Pallone d’oro ha già segnato 3 goal, per di più alla Spagna, che comunque ha espresso un buon gioco nonostante gli ultimi disordini del caos Lopetegui. Cristiano ha aperto il suo show con un rigore cercato furbescamente e poi realizzato con freddezza, per poi riportare in vantaggio sul 2-1 la compagine lusitana con un sinistro non di certo irresistibile, ma tramutato in goal da un goffo De Gea. Si è preso la scena, infine, con una punizione impeccabile che ai molti ha ricordato un suo altro capolavoro, quello in maglia Reds del Manchester United contro il malcapitato Portsmouth. Nel 3-3 finale l’MVP non può che essere lui. Professionista esemplare, a 33 anni il fuoriclasse portoghese non smette di divertirsi e divertire, rendendosi già protagonista in un weekend mondiale in cui le altre grandi stelle non hanno brillato. Non sente le pressioni e così facendo si carica sulle spalle le responsabilità sportive di un’intera nazione. Non si sa dove possa arrivare la compagine lusitana, ma di certo il marchio CR7 è già prepotentemente stampato sulle locandine di Russia 2018.



Curiosità sulla divisa da gioco-

Nike ci presenta un kit all’altezza del suo marchio. La tradizionale casacca di casa è esteticamente tra le più belle del mondiale. Richiama alla tradizione ma, al tempo stesso, è arricchita da moderni dettagli dorati celebrativi, scelti per ricordare lo storico trionfo di Euro 2016. Non mancano poi riferimenti alla storia del paese, come il particolare sempre dorato all’interno del girocollo. Il Portogallo spera che sia una maglia che entri nella storia per ovvi motivi calcistici, sui quali Cristiano e compagni preferiscono non sbilanciarsi. Certamente c’è grande sete di conquista, prerogativa dei lusitani fin dai tempi di Magellano.