La storia di Giulio- Andrés Iniesta

Image
Uno speciale tributo chiude per il momento il contest.

Giulio Veggiato, grande amico e sostenitore del progetto, ci racconta perché la maglia di Andrés Iniesta gli riempia il cuore.

“Ha un significato importante. Mi è stata regalata per il compleanno da amici che sanno quanto il numero 8 del Barça sia importante per me. Sono anni che il mio cuore ha tinte blaugrana e di fenomeni se ne sono visti, ma il mio cuore è rapito da questo giocatore che con il pallone fa cose che gli altri manco immaginano. Credo che questo ragazzo abbia avvicinato l’arte e il calcio.Si è reso un esempio per il suo atteggiamento sempre corretto e professionale. È un modello, un fuoriclasse dentro e fuori dal campo.”

Giulio vede in Don Andrés una figura elegante.

Iniesta, dall’animo candido, generoso e professionale è un esempio per gli appassionati.Classe‘84 originario di Fuentealbilla, ha saputo accarezzare la vita così come accarezza il pallone.Chiamato “l’illusionista” per la capacità di nascondere e scoprire la palla, muove i primi passi nell’Albacete e si guadagna la chiamata della celebre Masia del Barcelona. Dopo l’esordio del 2003, diventa con Xavi il perno del tiqui-taca, incarnando il prototipo del regista moderno. La sua leggerezza lo rende un mago nello stretto e mostra l’arte della “croqueta”, dribbling veloce e ubriacante. Iniesta diviene un incubo per gli allenatori avversari e Sir Alex Ferguson ne riconosce il genio e la freschezza. La sua arte è una fortuna per Barça e nazionale spagnola per più di un decennio. 9 Liga ,4 Champions League, 2 Europei e 1 Mondiale, quello del 2010, sono i trofei più prestigiosi del suo palmarés. La vittoria mondiale lo vede protagonista assoluto.Segna il goal decisivo nella finale contro l’Olanda ed esulta mostrando una maglietta con la dedica a Dani Jarque, amico ed ex capitano dell’Espanyol deceduto un anno prima. Ormai bandiera colleziona 805 caps e 70 reti tra club e nazionale. Il 2018 è l’anno dei saluti. Lo spagnolo ha ringraziato commosso al Camp Nou e i Culé lo hanno omaggiato emozionati prima di farlo partire per il Giappone, destinazione Vissel Kobe dove l’8 continua ad accarezzare la vita.

Si ringrazia Giulio Veggiato per aver partecipato al contest "le vostre storie" contribuendo con il suo racconto e il suo inestimabile cimelio.