Un emblema che racchiude la storia- Besiktas

Image
Spesso gli emblemi nascondono affascinanti storie. È il caso dello stemma del Besiktas, intrecciato come pochi alle vicende del club di Istanbul, il più longevo della Turchia.

L'attuale emblema della squadra, la quale porta il nome del quartiere in cui è nata, mostra, innanzitutto, la data di fondazione della polisportiva, il 1903.

Particolare di rilievo è la bandiera turca che figura al centro e al di sotto delle iniziali del club. Poter portarla all’altezza del cuore è un privilegio per tutto il popolo turco e i tifosi delle aquile nere sono dunque orgogliosi di questo “dono” della Federcalcio del proprio paese. Il Beşiktaş, infatti, guadagnò il diritto di mostrare la bandiera sul proprio emblema in seguito alla partita Turchia-Grecia del 1952, nella quale vennero schierati unicamente giocatori dei bianconeri nell’11 iniziale.

Anche le due stelle in cima hanno un retroscena. Recentemente la Federcalcio turca ha aggiunto al palmarès nazionale le due edizioni (‘57 e ‘58) della Coppa della Federazione, competizione precedente all’attuale Süperlig nella quale si scontravano le vincenti dei campionati delle varie regioni della nazione. Entrambe le edizioni furono vinte dal Beşiktaş, che può dunque vantare le due stelle. Il logo è completato dalle strisce verticali bianconere, colori sociali della compagine.

In alcuni stemmi compare, ancora oggi, la celeberrima aquila nera, simbolo della squadra. Il soprannome ‘Kara kartallar’, per l’appunto aquile nere, venne dato ai giocatori dopo una partita della squadra datata 1941. Il Beşiktaş, in maglia nera, vinse in quel frangente per 6-0, dopo essere stato incitato dai propri tifosi, i quali iniziarono a intonare cori paragonando i giocatori ad aquile.

La squadra conta oggi 15 campionati turchi, 9 coppe di Turchia e 8 supercoppe sempre nazionali.

La maglia home in foto, realizzata da Adidas, risale alla stagione sportiva ‘15/‘16.